Larino (Cb). Teatro-carcere: detenuti attori e ballerini per una Biancaneve pop

Larino (Cb). Teatro-carcere: detenuti attori e ballerini per una Biancaneve pop

primonumero.it, 14 giugno 2022

Quest’anno il laboratorio, oltre alla direzione del regista Giandomenico Sale, ha ospitato uno tra i maggiori coreografi statunitensi, Richard Move, docente di coreografia alla New York University.

Torna il teatro nel carcere di Larino, con l’apertura al pubblico per due spettacoli. Sabato 25 e domenica 26 giugno alle 20.30, in scena Biancaneve, frutto del laboratorio teatrale con i detenuti della Casa Circondariale di Larino. Quest’anno il laboratorio, oltre alla direzione del regista Giandomenico Sale, ha ospitato uno tra i maggiori coreografi statunitensi, Richard Move, docente di coreografia alla New York University.

“La scelta del testo di Biancaneve – spiegano da Frentania Teatri – per il nuovo spettacolo della Casa circondariale di Larino è dovuta a mantenere quel filo conduttore di leggerezza e riflessione che unisce tutti i lavori con i detenuti tenutisi in questi anni. Inoltre l’estrema attualità riscontrata in questa fiaba ci ha spinti a renderla pop.

Perché una Biancaneve pop? Perché i temi centrali di tutta la vanità consumante e la gelosia ossessiva, raccontati dai fratelli Grimm, sono senza tempo e, proprio per questo, a questo stile pop si mescolano rituali arcaici di magia in uso nella prima metà del novecento nel sud Italia.

Questa ossessività per il proprio aspetto è evidente più che mai oggi, nell’era dei social media. Nella società contemporanea molti di noi (la maggior parte?) sono così consumati dalla propria immagine che i confini tra realtà e finzione si mescolano facilmente. C’è un desiderio di perfezione che, spesso, si palesa attraverso un confronto invidioso con gli altri. Dallo scroll infinito dei social, ai filtri facili da usare, alla continua ricerca di più ‘like’, si può dire che siamo ossessionati dal nostro aspetto come lo è la matrigna con il proprio riflesso.

Smartphone sempre alla mano e fotocamera pronta, è facile immaginare che noi, nel 2022, riflettiamo sulla nostra stessa immagine, ancor più del personaggio della matrigna, scritto dai fratelli Grimm nel 18° secolo, che scarica le sue frustrazioni su un’ignara Biancaneve.

Le icone pop, da Madonna a Britney Spears a Lady GaGa, con i loro stili accuratamente realizzati, diretti dall’arte e marchiati, incarnano questo desiderio di un’immagine perfetta. E, con un certo livello di ironia, canzoni come ‘Vanity’ di Lady GaGa parlano direttamente di tali ossessioni, mentre catturano lo spirito della vita contemporanea, sia online che offline”. “Un grazie – conclude Giandomenico Sale, regista di svariati spettacoli nella casa circondariale di Larino – quanti hanno reso possibile questa ripartenza e in particolare al direttore dottoressa Rosa La Ginestra e al Funzionario Giuridico – Pedagogico dottoressa Brigida Finelli. E un grazie all’Otto per Mille Valdese per il supporto al progetto”. Per info e prenotazioni potete contattare via whatsapp il numero 349.6103282.